Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformitą alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Logo Ledha

Ultime notizie

18/10/2019

Il senso di LEDHA per il cinema

A pochi anni dalla sua nascita l'associazione ha organizzato la prima rassegna "Lo sguardo degli altri". C'era la consapevolezza dell'importanza della rappresentazione della disabilitą

"Spero che vi piaccia. È un film che spero vi colpisca dritto al cuore". Con queste parole Carolina Raspanti, attrice protagonista del film "Dafne" ha dato il benvenuto ai partecipanti al primo appuntamento della rassegna cinematografica "Lo sguardo degli altri", organizzato da LEDHA-Lega per i diritti delle persone con disabilità in collaborazione con Cineteca Italiana. La rassegna rappresenta uno degli appuntamenti organizzati da LEDHA in occasione dei suoi 40 anni. "Poche settimane fa abbiamo organizzato un convegno per rilanciare le prospettive del nostro intervento e del nostro impegno per fare in modo che le persone con disabilità possano avere sempre più spazio nella società", ha spiegato il presidente di LEDHA, Alessandro Manfredi.

Fin dalle sue origini, il focus dell'attività di LEDHA è stato l'impegno per la tutela dei diritti delle persone con disabilità. Parallelamente, però, l'associazione ha promosso un'intensa attività culturale con l'obiettivo di far conoscere a un pubblico sempre più ampio il mondo della disabilità, sfuggendo gli stereotipi e i luoghi comuni. "LEDHA si è occupata fin da subito del rapporto tra cinema e disabilità. Ha organizzato la prima edizione della rassegna 'Lo sguardo degli altri' nel 1982, appena tre anni dopo la fondazione dell'associazione. Segno che fin da subito all'interno dell'associazione c'era l'idea che la rappresentazione culturale della disabilità fosse un tema importante", sottolinea Matteo Schianchi, storico, ricercatore presso l'Università degli Studi Milano-Bicocca e curatore della rassegna. Da sempre il cinema si è occupato di disabilità. E anche il cinema italiano lo ha fatto. Da qui la scelta di individuare tre film italiani ("Non è stato campanilismo", assicura Schianchi) che raccontano la disabilità, con una particolare attenzione alla disabilità cognitiva e all'autismo.

I prossimi appuntamenti della rassegna "Lo sguardo degli altri" sono per giovedì 24 ottobre con "Quanto basta" e per domenica 27 ottobre, alle ore 17, con "Mio fratello rincorre i dinosauri"

 

 

Condividi:

FISH - Federazione Italiana per il Superamento dell'HandicapLedha - Lega per i diritti delle persone con disabilitą

Informativa sull'uso dei cookie

LEDHA - Via Livigno, 2 - 20158 Milano :: tel. 02 6570425 :: info@ledha.it
Codice Fiscale 802 0031 0151 - P.IVA 07732710962 - M5UXCR1
Realizzato da Head&Hands & MediaDesign