Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformitÓ alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Elenco Film

Torna all'indice

Il giovane favoloso - D123

Regia: Mario Martone

Durata: 137 min.

Origine: Italia - 2014

Genere: Drammatico

Trailer: http://www.youtube.com/watch?v=kN-lCxEx0lo

Tre bambini che giocano dietro una siepe, nel giardino di una casa austera. Sono i fratelli Leopardi, e la siepe Ŕ una di quelle oltre le quali Giacomo cercherÓ di gettare lo sguardo, trattenuto nel suo anelito di vita e di poesia da un padre severo e convinto che il destino dei figli fosse quello di dedicarsi allo studio matto e disperatissimo nella biblioteca di famiglia, senza mai confrontarsi con il mondo esterno.
Il film segue Leopardi dalla giovinezza a Recanati, con le ostilitÓ del padre e di una madre bigotta e anaffettiva delineata in poche pennellate, lasciandoci intuire che sia stata altrettanto, e forse pi¨, castrante del padre: sarÓ lei, pi¨ avanti, a prestare il volto a quella Natura ostile cui il poeta si rivolgerÓ per tutta la vita con profondo rancore e con la disperazione del figlio eternamente abbandonato.
Attraverso un salto temporale, ritroviamo Leopardi a Firenze, dove avvengono gli incontri con l'amata Fanny e con l'amico Antonio Ranieri, entrambi fondamentali nel costruire la geografia emotiva del poeta. ╚ del periodo fiorentino anche il confronto con la societÓ intellettuale dell'epoca, che invece di cogliere la capacitÓ visionaria di Leopardi in termini di grandezza artistica ne intuiscono la pericolositÓ in termini "politici", in quanto potenziale sabotatrice di quelle "magnifiche sorti e progressive" che il secolo cominciava a decantare.
L'atto conclusivo, dopo una breve sosta a Roma, si svolge a Napoli. Alle pendici del Vesuvio si concluderÓ la parentesi di vita di Leopardi, strappandogli l'ultimo grido di disperazione con la poesia La ginestra, summa del suo pensiero esistenziale.
Martone racconta un Leopardi vulnerabile e struggente, dalla salute cagionevole e l'animo fragile, ma dalla grande luciditÓ intellettuale e l'infinita ironia.